La rana Bollita

Questa storia famosissima e conosciuta da molti, detta anche il principio della rana bollita di Noam Chomsky, spiega un principio importantissimo che bisogna tenere sempre a mente.
Immagina un pentolone pieno d’acqua fredda nel quale nuota tranquillamente una rana. Il fuoco è acceso sotto la pentola, l’acqua si riscalda pian piano. Presto diventa tiepida e la rana la trova piuttosto gradevole e continua a nuotare.
La temperatura sale e adesso l’acqua è calda. La rana apprezza questo calore però inizia a stancarsi ma non si spaventa.
L’acqua adesso è davvero troppo calda e la rana la trova molto sgradevole, ma si è indebolita, non ha la forza di reagire.
Allora sopporta e non fa nulla. Intanto la temperatura sale ancora, fino al momento in cui la rana finisce, morta bollita.
Se la stessa rana fosse stata immersa direttamente nell’acqua a 50° avrebbe dato un forte colpo di zampa, sarebbe balzata subito fuori dal pentolone.

La morale di questa storia quale è?


La maggior parte di noi è presa dalla routine di tutti i giorni e dai mille impegni e da correre tutto il giorno per produrre denaro e spesso non ci accorgiamo di quello che ci accade.
Ormai siamo entrati nella routine e quando ci svegliamo è troppo tardi: perdiamo e finiscono relazioni importanti, ci accorgiamo del nostro stato di salute, lavorativo e finanziario quando ormai c’è poco da fare.
Quindi vivi di più il momento presente, e accedi sempre al tuo potenziale
.
Guardati intorno e osserva ciò che accade, ci sono mille segnali che ti avvisano che c’è qualcosa da cambiare e migliorare nella tua vita.

 

Antonella Lamanna

#antonellalamanna #coachdellaprosperita #vinciseihaiilcuore #lastanzadelcuore #direttatrasformativa #ranabollita
ps: se lo hai ritenuto di valore condividilo sui tuoi social preferiti 🙂